Stefano / #giovanisi+

Un ritorno alle origini

Storia scritta da Stefano
Stefano - Giovanisi+

Mi chiamo Stefano Pieroni, 31 anni, brasiliano e sono esperto in marketing e comunicazione.
Dal 22 marzo al 19 giugno 2017 ho partecipato al programma formativo Mario Olla, dove ho avuto l’opportunità di lavorare, studiare e vivere nelle colline e sotto il sole della Toscana. Questa opportunità mi è stata data perché sono un discendente diretto della regione toscana, ho origini in Castiglione di Garfagnana, Lucca.
Tuttavia, la storia della mia discendenza è antica ed è cominciata quando il mio trisnonno, Michelangelo Pieroni (nato nel 1864) è andato in Brasile nel 1900, tornando pochi anni dopo a Lucca. Nel 1920 è stata la volta del suo figlio maggiore, Giovanni Vincenzo Pieroni (1889), il mio bisnonno che ha seguito gli stessi passi di suo padre ed è andato in Brasile per tornare alcuni anni dopo in Italia, questa volta a San Lorenzo a Vaccoli. Nel 1946 è stata la volta di suo nipote, Antonio Pieroni (1926), mio nonno che ha seguito gli stessi passi di suo padre e nonno ed è andato in Brasile e anche lui è ritornato dopo un paio di anni.

Tuttavia, questa volta, il rientro in Italia è stato solo per sposare Maria Clara Rossi, di Castiglione di Garfagnana, mia nonna. Da questa coppia è nata mia mamma, Maria Gabriela Pieroni e miei zii Claudio Joao Pieroni e Leonardo Joao Pieroni.
Come si vede dalla mia storia, siamo davvero italo-brasiliani, affascinati per l’Italia, per il suo cibo, paesaggi, cultura, lingua, e soprattutto, il vino. Esattamente quest’ultima è stata la ragione principale per cui mi sono iscritto al programma e ho cercato uno stage presso un’azienda vinicola.

è stata una esperienza bellissima, molto ricca e profonda

Ha funzionato! Sono qui!
Il mio stage si è svolto presso l’Azienda Agricola Villa Montepaldi, una cantina con tanti anni di esperienza, che si trova nel cuore della zona di produzione del Chianti Classico.
Qui l’azienda si estende su 303 ettari, coltiva 12 tipi di uve diverse e produce più di 100.000 bottiglie di vino all’anno. Due persone sono al centro di questa produzione e sono esattamente quelle che mi hanno aiutato di più nello sviluppo del mio Business Plan: Fabrizio Baol, l’agronomo, e Nicola Meditto, Diretore Generale ed Enologo.

Con loro ho avuto tante discussioni sul clima, piante, terreno, coltivazione, vendemmia, vinifi cazione, caratteristiche chimiche e organolettiche, certifi cazione, abbinamenti, cantina e tante altre cose.
Durante lo stage ho potuto creare strategie per arrivare al mercato degli Stati Uniti d’America e sviluppare materiale di comunicazione: una scatola speciale, una ettichetta e una “one page” brochure.
Quelo che posso dire insomma è che è stata una esperienza bellissima, molto ricca e profonda di contenuto, ma anche molto piacevole.
Per questo voglio ringraziare la Regione Toscana e il Cedit per questa opportunità e, particolarmente Daniela, per tutta l’accoglienza e cura verso di noi.
Grazie a tutti.

Fonte: toscaninelmondo.org

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove le borse di formazione professionale Mario Olla, rivolte a giovani di origine toscana residenti all’estero, a cui è offerta l’opportunità di svolgere un periodo di stage formativo presso aziende toscane.

L’iniziativa si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì+

Scrivi una risposta