Silvia / #tirocini

Amministrare con passione!

Scritto da Silvia
Silvia - Tirocini

Inizia tutto con il conseguimento del diploma di ragioneria ottenuto presso l’Istituto Tecnico Commerciale Filippo Pacini di Pistoia e dalla mia decisione di provare ad entrare subito nel mondo del lavoro.

Ho cominciato a cercare offerte varie orientandomi su scelte lavorative attinenti gli studi fatti. Fin da bambina ho sempre desiderato un lavoro in amministrazione, tra i numeri e i documenti, ma al tempo stesso di ragionamento.

Ho iniziato a frequentare con una certa assiduità il centro per l’impiego dove ogni giorno mi recavo per vedere le offerte, quando un giorno ho visto un volantino che parlava del progetto Giovanisì. Mi sono subito attivata per cercare informazioni su come funzionava e dopo aver letto che il tirocinante poteva proporre all’ufficio di collocamento dei nominativi di aziende, ho iniziato immediatamente contattando varie ditte alle quali mi proponevo e richiedevo di essere inserita nel loro staff per fare esperienza: la Giorgio Tesi Group ha accettato la mia domanda. Sono capitata in questa impresa nel momento giusto perché cercavano proprio una persona che si occupasse dell’archiviazione. Con molta gentilezza e disponibilità sono stata accolta e grazie al progetto Giovanisì e alla Giorgio Tesi Group ho iniziato un percorso di formazione professionale davvero ricco. All’inizio mi è stato offerto un contratto della durata di sei mesi con una piccola retribuzione mensile e successiva possibilità di assunzione.

ho fatto sei mesi di pratica, senza la quale non sarei riuscita a crescere professionalmente

Nei primi giorni vedevo moltissimi documenti e non ero molto fiduciosa, il mio compito era quello di dividere ed archiviare bolle di accompagnamento, contabili delle banche, cmr (documenti che accompagnano la merce all’estero) e molti altri documenti. Contestualmente ho iniziato ad imparare il programma di contabilità con tutte le relative funzioni. È proprio grazie a questo compito, non proprio di concetto, che sono riuscita a conoscere ed apprendere l’importanza dei vari documenti.

Solo successivamente mi sono accorta di quanto fosse stato importante perché, per svolgere bene un ruolo nell’amministrazione, si devono conoscere bene tutti i documenti che capitano sulla scrivania, solo così si può riuscire a capire il giusto svolgimento dell’attività. Per me tutto era una novità ed è grazie all’attenzione e all’accuratezza con cui mi sono state insegnate le cose che, nel giro di poco tempo, sono diventata autonoma nel mio lavoro.

Grazie al tirocinio ho fatto sei mesi di “pratica”, senza la quale non sarei riuscita a crescere professionalmente e soprattutto non sarei entrata nel mondo del lavoro, cosa estremamente difficile in questo periodo.

Dopo questi sei mesi l’azienda mi ha comunicato che aveva intenzione di assumermi a tempo indeterminato. Per me è stata una gioia immensa perché avevo trovato il lavoro che avevo sempre desiderato in un’azienda davvero ottima con persone gentili, disponibili e pronte a investire su una giovane ragazza appena uscita da scuola. Nel giro di poco tempo sono passata ad un ruolo di concetto, ovvero alla contabilità dei fornitori con relativa gestione di fatture, bolle e tutto quello che ne consegue. Piano piano sono riuscita ad imparare moltissime cose anche non direttamente attinenti al mio lavoro ma che arricchiscono il mio bagaglio professionale, come per esempio: le registrazioni in partita doppia, l’analisi dei costi di gestione, la generazione di bolle e le fatture di vendita. Ogni attività, anche la più semplice, ha accresciuto le mie competenze, tra tutte dover parlare, scrivere o tradurre in inglese o francese. Ciò mi ha aiutato ad essere flessibile sul lavoro ed aperta a spaziare nei vari settori aziendali.

Oggi il mio lavoro è davvero vasto, passo dalla gestione e registrazione delle fatture di acquisto, alla liquidazione iva mensile, ai versamenti delle ritenute d’acconto dei professionisti, alla stampa delle fatture di vendita con relativo controllo, continuando, insieme ad un collega, il lavoro di archiviazione.

Dall’inizio di questa mia avventura sono ormai trascorsi due anni e mezzo; oggi, guardandomi indietro mi rendo conto dei passi da gigante che ho fatto e di quante cose ho imparato ma anche di quante ne ho ancora da imparare.

La mattina ‘affronto’ volentieri la mia scrivania, sempre piena di fogli, con l’aiuto dei miei colleghi in un clima aziendale faticoso ma stimolante.

Posso dire che, grazie al mio incontro con Giovanisì faccio un lavoro che mi piace e per cui ho studiato con tanto sacrificio.

Storia tratta dal primo numero di “TXT  Young” e scritta da Silvia, beneficiaria  della misura Tirocini del progetto Giovanisì.

Scopri le opportunità di Giovanisì per tirocini

Scrivi una risposta