Sara / #giovanisi+

Si può fare!

Storia scritta da Sara
Sara - Giovanisi+

Storia tratta da ‘Orizzonti. Giovanisì racconta i NEET toscani’, pubblicazione a cura dello staff di Giovanisì.

Ho voglia di lavorare. Perché non mi fa fatica nulla, perché so di poter fare, perché la mia famiglia ne ha bisogno. So che queste notizie in un curriculum non si scrivono, ma questa è la realtà.

Sono sposata da tempo. Siamo andati a vivere per conto nostro, in una fase in cui quasi tutti i miei coetanei sono ancora in famiglia.

Sono fiera di queste mie scelte un po’ controvento. Ma so che hanno un costo. E questo costo si restituisce se si ottiene un reddito. Ed ecco il difficile.

Ho fatto molti lavoretti saltuari, pulizie quasi sempre, mi sono anche dedicata ad accudire degli anziani, sento che ho anche una certa propensione a farlo. Ma spesso mi capita di restare senza attività e questo, per il bilancio familiare, è sempre più difficilmente accettabile.

E’ in questa fase che il progetto “Neet-work” mi è venuto incontro. Ho conosciuto gli educatori della Cooperativa Pane e Rose, ho accettato di sostenere un colloquio. Mi sono raccontata, anche un po’ sfogata. E lì ho capito che non era sufficiente rimboccarsi le maniche, serviva lavorare a fondo per presentarmi in maniera più efficace a un potenziale datore di lavoro.

Non mi fa fatica fare nulla, perchè so di poter fare, perchè la mia famiglia ne ha bisogno

Ho così partecipato al percorso di orientamento individuale, per la costruzione del bilancio di competenze, sia agli incontri di gruppo sulla ricerca attiva del lavoro, dove ho riscritto il mio curriculum. Inoltre mi sono iscritta a Garanzia Giovani e al Centro per l’Impiego.

Insomma mi sono messa in moto, circondata da competenza e consigli validi. La cosa che continua a interessarmi di più riguarda l’assistenza e in questo periodo mi sta informando presso il Centro per l’Impiego e le agenzie formative del territorio per partecipare a un corso di qualifica in assistente di base.

Viste le necessità sono pronta a accettare qualunque tipo di lavoro, ma ora so molto meglio cosa possa fare, come presentarmi e conosco tutta le rete che mi può sostenere. Credo anche di più nelle mie potenzialità. Ci si può fare, sussurro tra me e me. E ne sono sempre più convinta.

 Sara è una dei giovani neet coinvolti dalla Cooperativa Sociale Pane e Rose Onlus in ‘Neet – Work’, tra i progetti vincitori del Bando sperimentale rivolto ai NEET e finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Giovanisì.

Il bando sui neet si colloca all’interno di Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì per Giovanisì+

Scrivi una risposta