Roberto / #giovanisi+

Qualcosa di buono

Storia scritta da Roberto
Roberto - Giovanisi+

Storia tratta da ‘Orizzonti. Giovanisì racconta i NEET toscani’, pubblicazione a cura dello staff di Giovanisì.

Avevo bei progetti sulla mia vita. Mi ero diplomato, avevo iniziato l’università…ma ho dovuto fare i conti con la mia salute. Una malattia tosta, che ha a che fare con la mente.

La fiducia in sé si conquista nel tempo, a perderla, invece, basta un attimo. Basta rendersi conto di non riuscire a fare le cose come prima, basta guardarsi intorno e capire che ciò che si faceva in un battibaleno ora si arriva a farlo con altri ritmi, con tanta fatica.
A 20 anni ho visto i miei orizzonti cambiare e la prima reazione è stata di chiudermi in casa. Per fortuna ho una bella famiglia intorno, per fortuna i servizi sociali mi hanno spronato: per fortuna io stesso non avevo certo voglia di fermarmi. Sono stato messo in contatto con il progetto “Verso l’Autonomia” e, insieme ai miei genitori, sono andato allo sportello portando con me tutto il mio disorientamento.

Dopo un anno travagliato, la mia vita è ripartita. Sono di nuovo in pista!

Ho sentito che poteva nascere qualcosa di buono, e subito ho iniziato un percorso di incontri individuali e un laboratorio di gruppo a cui ho partecipato con interesse.
Mi hanno aiutato a ripartire dal mio curriculum personale e spronato a seguire il mio interesse per le lingue: ho così intrapreso un percorso sulla piattaforma e-learning “Progetto Trio” della Regione Toscana frequentando moduli di lingua inglese e tedesco.

Andando avanti in questo percorso mi sono iscritto al portale Garanzia Giovani e sono stato aiutato a propormi sul mercato del lavoro.

Alla fine sono riuscito ad avviare un tirocinio in un supermercato.
Devo dire che mi piace: è un lavoro che mi permette di stare a contatto con le persone e di rendermi utile sia sistemando i prodotti sugli scaffali che rispondendo alle richieste dei clienti e questo mi rende felice.

Insomma. Dopo un anno travagliato, la mia vita è ripartita. Sono di nuovo in pista!

 

Roberto è uno dei giovani neet coinvolti da Ce.I.S. Centro di Solidarietà di Grosseto in ‘Verso l’autonomia: percorsi di crescita personale e professionale al fine di facilitare l’inserimento di giovani Neet nel mondo del lavoro o in percorsi educativi e formativi”, tra i progetti vincitori del Bando sperimentale rivolto ai NEET e finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Giovanisì.

Il bando sui neet si colloca all’interno di Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì per Giovanisì+

Scrivi una risposta