Natalia / #giovanisi+

La realtà è migliore delle aspettative

Storia scritta da Natalia
Natalia - Giovanisi+

Mi chiamo Natalia Risso Giannetti, sono di Piracicaba, Morais Brasile. Ho una laurea in Relazioni Internazionali.
Durante gli ultimi 5 anni ho lavorato come insegnante di inglese. Amo insegnare ma devo confessare che la mia grande passione sono i primati. Ho iniziato come volontaria nella Projeto Mucky, una ONG che salva e riabilita i primati brasiliani a rischio e nel 2016 sono diventata uno dei membri del consiglio di amministrazione. Da allora sono stata anche responsabile delle relazioni internazionali del progetto, ciò mi ha dato la possibilità di lavorare, anche se senza remunerazione fi nanziaria, nel mio campo di studio originale.

questo viaggio è stata un’occasione unica per conoscere meglio il paese delle mie origini

Da quando mia sorella è tornata in Brasile nel 2015, dopo aver trascorso 3 mesi, partecipando alla borsa Mario Olla del 2015, ho sognato di avere la stessa esperienza. Nel 2017 si è avverato il mio sogno. Mia sorella aveva ragione su tutto: vivere e lavorare in un paese che significa tanto per la nostra famiglia, poiché le sue tradizioni e la cultura ci hanno influenzato molto e sono quindi parte della nostra vita quotidiana, è surreale.
Questa è stata la mia prima volta in Italia e le mie aspettative sono state superate: non è solo bella e vivace, ma è così ricca per la sua gente, gli italiani sono gentili, calorosi e pieni di vita. Quindi questo viaggio è stata un’occasione unica per conoscere meglio e in prima persona il paese dove sono le mie origini e lavorare in una rinomata organizzazione del terzo settore, i cui valori fondamentali condivido.

Come parte del mio tirocinio ad Oxfam Italia ho avuto l’opportunità di conoscere argomenti diversi come l’immigrazione, l’imprenditoria giovanile e l’economia sociale in un ambiente accogliente pieno di persone appassionate che hanno deciso di lavorare aiutando altre persone. La cooperazione internazionale e il terzo settore sono stati i motivi principali per cui ho deciso di studiare Relazioni Internazionali. Così, lo stage presso un’organizzazione così rilevante è stata la realizzazione di un vecchio progetto che ho avuto fin dai primi giorni di università. Devo ringraziare i miei capi, Sibilla e Giulia, per avermi creduto e permesso di far parte del team di Oxfam.
Fin dal primo momento che ci siamo incontrate tramite Skype, sono state gentili e generose.
Inoltre ho conosciuto molte persone simpatiche non solo italiani ma di diverse parti del globo.
Ho condiviso momenti speciali con persone che mi hanno aiutato in tanti modi, sia emotivamente che fisicamente. Subito dopo aver iniziato il tirocinio, ho fratturato il mio braccio sinistro come risultato di una caduta. Quello che avrebbe potuto essere difficile, 15 giorni con un’ingessatura si è rivelato un’esperienza serena grazie al supporto che ho ricevuto.
Quindi, vorrei ringraziare tutte le ragazze, compagne di appartamento, per l’aiuto e in particolare Daniela Artini per avermi guidato in questo momento di diffi coltà in cui ho avuto bisogno di cure mediche.
Per finire vorrei ringraziare Giovanisì – Regione Toscana, Cedit ed Oxfam per questa esperienza così unica ed arricchente.

Fonte: toscaninelmondo.org

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove le borse di formazione professionale Mario Olla, rivolte a giovani di origine toscana residenti all’estero, a cui è offerta l’opportunità di svolgere un periodo di stage formativo presso aziende toscane.

L’iniziativa si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì+

Scrivi una risposta