Mariacristina / #giovanisi+

Una canadese dell’accento toscano

Storia scritta da Mariacristina
Mariacristina - Giovanisi+

Salve, mi chiamo Mariacristina De Rose, ho 24 anni, e vengo da Toronto, Canada. Scrivere un breve riassunto della mia esperienza qui a Firenze con il progetto Mario Olla è più diffi cile di quanto pensassi.

Sono arrivata a Firenze 3 mesi fa e quando vedo gli aerei nel cielo penso che solo pochi giorni fa c’ero anch’io. Tutti quanti siamo fortunati perché con un viaggio in aereo, possiamo scoprire il mondo. Grazie alla Borsa Mario Olla ho avuto l’opportunità di visitare l’Italia e non solo, inoltre sono cresciuta sul lato professionale e anche su quello personale. Ora vorrei spiegare nei dettagli come questa mia esperienza ha migliorato le mie capacità lavorative, ha intensificato i rapporti familiari e il vantaggio per il mio futuro.

La mia nonna è di origine pisana e quindi il mio babbo è la prima generazione canadese. Loro due hanno avuto l’opportunità di lavorare in Italia. Quando ero piccola mi raccontavano sempre le storie sulla vita italiana e sognavo anch’io un’opportunità di lavorare in Italia. A Florencetown mi è stata data questa possibilità: lavorare intensamente, vivere semplicemente e mangiare bene. Florencetown è un’azienda turistica nel centro storico di Firenze, durante questi tre mesi ho imparato mansioni nuove (Strategia di marketing, prenotazione dei tours, ecc.) e abitudini diverse (modo di scrivere email, caffè ogni mattina, usare tanti gesti con le mani ecc.) che non esistono in Canada.

 è importante conoscere la storia e la terra delle mie origini, perché mi aiuta a capire chi sono

Sono stata fortunata a partecipare ai tours che offre Florencetown e in questo modo ho potuto conoscere ancora di più la Toscana, terra natale della mia nonna. Non solo lavoro, ma anche ho fatto delle amicizie: le tante otto ore al giorno in ufficio passano più veloci quando l’ atmosfera è piacevole.
Oltre tutto, nel corso della borsa avevo tempo per conoscere meglio la mia grande famiglia qui in Toscana: a Pisa, Siena, Chianti e altre piccole frazioni dove ho avuto l’opportunità di parlare con loro della storia della mia famiglia e soprattutto della mia nonna (l’unica della famiglia che è emigrata).
Con i miei colleghi, tutti italiani, abbiamo realizzato che io sono veramente più italiana che canadese. Mi domandano in che senso, rispondo: in tutti i sensi! Il cibo che mangio, le tradizioni che ho, i pensieri che mi passano per la testa. Tutto questo l’ho imparato da piccola, dai ricordi degli anni 60 dei miei nonni. Ho anche un po’ l’accento toscano. Grazie alla Borsa questi mesi sono stati veramente una buona occasione per partecipare a diverse feste, cene e passare del tempo libero con la mia famiglia.
Spero di continuare questi contatti con miei secondi cugini e spero che ci incontreremo di nuovo in Italia oppure in Canada. Inoltre, ho conosciuto meglio le mie origini ed ascoltato tante storie importanti per me, per la mia famiglia in Canada e per la mia futura famiglia.

Adesso che ho finito la Borsa, utilizzerò questa esperienza e le mie nuove conoscenze per il mio futuro lavoro.
Vorrei diventare insegnante alle scuole superiori e con gli studenti viaggiare, perché è importante conoscere il mondo. Firenze è una città perfetta da visitare. È una città piena di arte, storia, tradizione e buon cibo. Inoltre è importante conoscere la storia e la terra delle mie origini, perché mi aiuta a capire chi sono. Il Canada è un paese giovane, non ho tradizioni profonde.
Grazie a Toscani nel mondo ho anche conosciuto altre giovani con origini toscane, con cui ho passato bellissimi momenti, viaggi e aperitivi! Porterò questa splendida esperienza per sempre nel mio cuore e spero di condividerla con i miei amici, e soprattutto con la mia famiglia.

Fonte: toscaninelmondo.org

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove le borse di formazione professionale Mario Olla, rivolte a giovani di origine toscana residenti all’estero, a cui è offerta l’opportunità di svolgere un periodo di stage formativo presso aziende toscane.

L’iniziativa si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì+

Scrivi una risposta