Luca / #tirocini

Come cresce un'impresa

Scritta e pubblicata da Luca
Luca - Tirocini

Storia scritta per Accènti da Luca,  imprenditore che ha attivato un tirocinio Giovanisì presso la sua azienda

La mia azienda nasce con l’idea di dare continuità a quella fondata e sviluppata dalla mia famiglia. La mia attività professionale, prima dell’impegno imprenditoriale, era legata alla consulenza in ambito agrario e, più specificatamente, al settore della viticoltura, attività che mi ha portato a lavorare sull’intero territorio italiano e, per un periodo, anche all’estero. Tutto ciò fino a quando i miei genitori hanno chiesto che intenzione avevo riguardo l’azienda da loro fondata (San Cristoforo). Da quel momento ho deciso di seguire un ramo di tale azienda. Azienda che per prima, in Italia, aveva chiuso interamente il “ciclo dei cereali” con, al proprio interno, la produzione dei cereali, coltivati con il metodo biodinamico, la molitura a pietra e la pastificazione con propri impianti. Al momento che ho deciso di impegnarmi direttamente nel progetto ho cercato un capannone da prendere in affitto per realizzare il mio pastificio, utilizzando in parte le attrezzature già in uso da San Cristoforo.

Quando ho deciso di iniziare a intraprendere tale percorso, mi sono rivolto ad un commercialista e da lì si sono presentati i primi problemi, poiché il professionista a cui mi sono rivolto (purtroppo me ne sono reso conto a posteriori) non aveva le capacità e le competenze per seguire la mia impresa. Nel frattempo ho avviato il contratto d’affitto e dato il via all’iter normativo per l’apertura dell’attività. Questo mi ha portato a comprendere le difficoltà che dovevo affrontare nell’assolvere pienamente le incombenze di legge, inoltre, da completo ignorante in materia, mi sono reso conto delle problematiche legate a tutte le autorizzazioni di cui necessitavo. Alla fine mi ci sono voluti circa sei mesi per poter dare il via definitivo, via che è avvenuto grazie all’associarmi a CNA e a prendere un architetto professionista che mi ha seguito le pratiche. In poche parole un discreto esborso di soldi e una grande perdita di tempo. Da questa esperienza comunque è nata una nuova attività che, in parte, segue l’azienda della mia famiglia con la produzione di pasta artigianale e in parte si dedica alla produzione conto terzi. Avendo un piccolo impianto riesco ad offrire un servizio che gli altri pastifici non danno, poiché la mia realtà mi permette di lavorare anche modiche quantità. Nell’andare avanti ho compreso la necessità di offrire anche direttamente al pubblico i miei prodotti e così, in seguito, ho aperto anche un piccolo negozio dove vendo i miei prodotti e quelli di altre piccole realtà del territorio, per questa “seconda” apertura ho sfruttato il bagaglio di conoscenza acquisite, anche se in breve tempo, ma senza ridurre la spesa. Cerco di essere sempre attento alle opportunità che si presentano e così dalla stampa sono venuto a conoscenza del progetto Giovanisì , grazie al quale, da un paio di mesi, ho assunto una tirocinante.

L’esperienza che ho fatto, e che tuttora sto facendo, mi porta a considerare le difficoltà che un giovane incontra cercando di fare impresa, ma, al contempo, mi è di sprone per acquisire una sempre maggiore forza d’animo, una salda determinazione ed un immutato desiderio di andare avanti. Da tutto ciò ne deduco che creare una figura di Tutor per le giovani imprese sia fondamentale, e che sia necessario, non solo per dare indicazioni di massa, ma per guidare il giovane imprenditore attraverso tutti i passaggi burocratici del merito, e, proprio per questo,dovrebbe essere una figura all’interno della struttura pubblica, all’interno dei comuni e più specificatamente degli uffici tecnici. Tale figura non si deve porre di fronte al giovane, ma al fianco per aiutarlo a superare i problemi e non gravare economicamente sul già oneroso “rischio d’impresa”. Inoltre riterrei opportuno incentivare non solo i giovani imprenditori agricoli con dei contributi a fondo perduto, ma anche le altre categorie di giovani che pensano di fare impresa. Che ad oggi trovano un aiuto, ma solo in conto interessi, cosa che comunque li espone al mondo debitorio. Con questo concludo e ringrazio per il tempo dedicatomi nel leggere queste righe.

Scopri le opportunità di Giovanisì per Tirocini.

Scrivi una risposta