Enrico / #giovanisi+

Nuove importanti occasioni

Storia scritta da Enrico
Enrico - Giovanisi+

Mi chiamo Enrico Paolo Viviani, ho 31 anni e sono nato a Paraná, Entre Ríos, Argentina.
Ho origini toscane, che provengono da mio nonno paterno Sirio Viviani, nato a Fornovolasco, Comune di Vergemoli, provincia di Lucca nel 1921. Grazie alle mie origini ho beneficiato della Borsa “Mario Olla” e anche di un’altra opportunità  nel 2010 a Siena.

Mi sono laureato in Architettura nel 2013 presso la Facultad de Arquitectura, Diseño y Urbanismo (FADU) de la Universidad Nacional del Litoral (UNL) della cità di Santa Fe.
Da prima di laurearmi fino ad oggi ho avuto diverse esperienze di lavoro in differenti ambienti, sia in aziende pubbliche che private, in gruppo e da solo. Attualmente  sto lavorando con mia sorella, disegnatrice grafica, e un amico architetto.

Durante il mio soggiorno a Firenze ho fatto lo stage presso lo studio Ipostudio Architetti, un gruppo fondato nel 1984 che lavora nell’ambito della progettazione architettonica di opere pubbliche e private  e partecipa a diversi concorsi nazionali e internazionali. Quest’ultima è stata una delle cose che mi hanno interessato di più, sebbene avessi già lavorato in diversi ambiti.

…é stata un’esperienza meravigliosa, che certamente ricorderò per tutta la mia vita.

Nello studio ho collaborato in un sacco di progetti. Come prima cosa ho avuto la possibilità di sviluppare, insieme a un’altra tirocinante greca, un progetto per un concorso per l’ampliamento della Galleria d’Arte Moderna del Palazzo dei Diamanti a Ferrara.
Questo è stato veramente meraviglioso per me, visto che era la mia prima volta che partecipavo ad un concorso di architettura. Per fortuna questo è stato solo il primo di tanti.

Dopo questo lavoro  ho avuto la possibilità di partecipare al progetto per l’ampliamento della Chiesa di San Pio a Prato, al disegno della piazza di ingresso per il progetto dell’Ospedale Civico di Lugano – Svizzera e anche al progetto per una Galleria d’Arte Contemporanea a Floriana, Malta.
Come si può vedere, la varietà dei lavori ai quali ho collaborato è stata interessantissima e molto produttiva per la mia formazione professionale.

Ipostudio ArchitettiNell’azienda ho conosciuto molte persone veramente brave e carine, con le quali mi piacerebbe rimanere in contatto. Grazie a loro ho conosciuto un’altra maniera di vedere, capire e pensare l’architettura; era stato questo aspetto a spingermi a candidarmi alla borsa “Mario Olla”.

Senza dubbio è stata un’esperienza meravigliosa, nella quale ho imparato moltissimo, non solo nell’ambito lavorativo, ma anche sulla cultura italiana, che certamente ricorderò per tutta la mia vita.

Per ultimo ma non meno importante, vorrei parlare dei miei compagni di gruppo, gente veramente carina e meravigliosa, ognuno con la sua storia di vita e la sua pazzia. Con loro ho scoperto un sacco di posti meravigliosi, loro hanno reso questa un’esperienza indimenticabile. Certamente senza di loro non sarebbe stata così bella.

Per finire mi piacerebbe ringraziare Giovanisì – Regione Toscana e CEDIT per questa indimenticabile opportunità della borsa di  formazione professionale “Mario Olla” e in particolare vorrei ringraziare Daniela, per tutto il suo aiuto e per lo sforzo per far sì che il nostro soggiorno sia stato così piacevole.

 

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove le borse di formazione professionale Mario Olla, rivolte a giovani di origine toscana residenti all’estero, a cui è offerta l’opportunità di svolgere un periodo di stage formativo presso aziende toscane.

L’iniziativa si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì+

Scrivi una risposta