Arianna e Tessa / #giovanisi+

Lottozero

Scritto da Arianna e Tessa
Arianna e Tessa - Giovanisi+

L’idea di creare Lottozero, è nata dopo che, alla morte prematura di nostra mamma, abbiamo ereditato il vecchio magazzino di nostro nonno. Bellissimo, ma in disuso dal 1979 e completamente da mettere a posto, mancavano addirittura corrente e bagni. Entrambe avevamo già le nostre carriere e molto da fare, una vita lontana da Prato e dalla Toscana, regione di provenienza di nostra madre. Abbiamo valutato le varie idee, di certo non potevamo permetterci di continuare a pagare l’IMU molto alto su un immobile che stava solo decadendo. Abbiamo pensato di affittarlo (ma in quello stato?) o di darlo in uso gratuito a qualche associazione, finché alla fine, e ognuna delle due incolpa l’altra, abbiamo deciso di farci qualcosa noi stesse. Una di noi, Arianna, è designer tessile e artista, l’altra, Tessa, era consulente aziendale e poi imprenditrice in una piccola azienda creativa, Prato è la città del tessile per eccellenza, unendo le nostre capacità alle circostanze poteva venire fuori un bellissimo progetto.

Quando abbiamo creato Lottozero abbiamo prima pensato a ciò che sappiamo e possiamo fare, vedi domanda precedente, e subito dopo cosa manca a Prato, in Italia, in Europa, e cosa sarebbe bello realizzare.

Abbiamo capito che c’è una forte crescita di spazi come fab-lab e coworking, ma che la richiesta di hub creativi più specializzati per esempio per l’oreficeria ecc. rimane insoddisfatta. Abbiamo eseguito una ricerca in vari paesi europei e ci siamo rese conto che la richiesta di laboratori dedicati al tessile condivisi e accessibili (quindi non legati all’università e allo studio) era forte in tutti i paesi. Ovunque agli studenti neolaureati e i liberi professionisti mancava un posto dove lavorare e confrontarsi, posti come il laboratorio legato al museo tessile di Tilburg. Così abbiamo capito che questa era la strada giusta da percorre. Infatti, nell’anno che è passato da quando abbiamo compiuto questa ricerca ad oggi stanno aprendo in Europa nuovi laboratori tessili come il nostro, per esempio quello di WAAG Society ad Amsterdam, diventato il nostro partner nel progetto europeo TCBL guidato dal comune di Prato.

Il nostro spazio è di 400 metri quadri e include: un laboratorio, uno studio condiviso, un ufficio stile, e una Kunsthalle, ovvero uno spazio espositivo. Il laboratorio tessile è dotato di macchinari per la progettazione e la ricerca tessile. Lo studio condiviso, è uno spazio aperto di coworking, un luogo di lavoro e incontro per chi ancora non si può permettere uno spazio in proprio. L’ufficio stile: Lottozero opera come ufficio stile per le aziende italiane che non hanno un ufficio stile interno e le aziende straniere che necessitano di facilitazione e product management per la produzione in Italia. Infine Lottozero è una Kunsthalle: uno spazio espositivo per collezioni, una galleria/showroom per chi risiede a Lottozero e per chi è coinvolto in collaborazioni dirette.

C’è anche una cucina-laboratorio per vari corsi e una camera oscura per lo sviluppo e la stampa analogica.

Oltre ai designer e ai creativi che vorranno usufruire dei laboratori e coloro che hanno bisogno di uno spazio di lavoro e quindi veranno in co-working da noi o apriranno il loro studio temporaneo nei nostri spazi è importante rimarcare che Lottozero si propone come ufficio stile alle aziende che hanno necessità di nuovi input di tendenza, idee di disegni e creatività sul prodotto. Alle aziende viene proposta una visione diversa, ragazzi giovani, creativi con cui collaborare e sperimentare. Aiutiamo anche designer e aziende straniere a produrre il loro prodotto in italia facendo un lavoro di sourcing e product management. Infine, e questo è uno dei vari modi che usiamo per finanziarci, abbiamo creato una linea di foulard di seta stampati in collaborazione con alcuni dei più bravi artisti e designer emergenti. La vendiamo online e in alcuni negozi scelti.

Lottozero ha l’obiettivo di incoraggiare lo sviluppo di talenti emergenti con collaborazioni e residenze creative e rivitalizzare il distretto tessile di Prato. L’idea è di dare spazio a giovani designer e creativi e di portare talenti emergenti in città con un sistema di residenze. I giovani saranno invitati a trasferirsi a Prato per un periodo, vivendo e lavorando nella nostra sede nel cuore del quartiere Macrolottozero dove avranno a disposizione appartamenti in cui vivere oltre al laboratorio per le sperimentazioni pratiche e la produzione di prototipi.

Il plusvalore sarà dato dalla collaborazione e il confronto con gli attori principali del distretto di Prato, con i quali, o almeno con i quali lo vorranno, si cercherà costruttivamente di creare sinergie, unendo la capacità creativa dei giovani all’esperienza di chi questo lavoro lo svolge da sempre, scambiandosi know-how tecnico e mezzi per l’innovazione creativa, spingendosi oltre procedure e tecniche assoldate.

Infine, per Prato sarà fondamentale l’attività di advocacy, Lottozero, con le sue residenze crea ambasciatori mondiali del distretto. Una volta lasciata la città, gli individui che hanno lavorato da noi avranno la possibilità di esercitare influenza sui settori culturali, creativi e tessili nel resto d’Europa, favorendo la conoscenza del prodotto, dell’industria pratese e delle attrattive che la città ha da offrire.

Lottozero inaugura i suoi spazi in Via Arno 10, a Prato,  il 15/10/2016, con un evento composto da una mostra e un concerto che avranno luogo nell’arco di 12h, dal tardo pomeriggio alla mattina del giorno dopo. Inside Lottozero è il nome di questa mostra che indaga l’utilizzo della materia tessile nell’arte contemporanea attraverso le opere di 13 artisti italiani e internazionali, evidenziando l’estrema versatilità dell’elemento tessile, capace di veicolare linguaggi artistici diversi tra di loro: performance, video, pittura, scultura, installazione, costume, arazzo, sound performance e fotografia.

Sempre in occasione dell’inaugurazione avrà luogo uno Sleep Concert, un concerto che si dispiega per tutta la notte in un susseguirsi ininterrotto di live set pensati per costruire un ambiente sonoro immersivo, mentre il pubblico dorme, o ascolta in una transizione continua tra stati di sonno e stati di veglia.

Il progetto espositivo è a cura di Alessandra Tempesti, storica dell’arte e sound artist (Gea Brown) in collaborazione con noi.

Per la mostra inaugurale abbiamo vinto il bando ‘Toscanaincontemporanea2016′ della regione Toscana inoltre riceviamo un contributo dalla provincia autonoma di Bolzano per il catalogo, dal ministero austriaco per l’arte e la cultura, dal forum austriaco della cultura di Milano oltre al patrocinio del comune di Prato e del consolato tedesco di Milano. Purtroppo un progetto così grande e ambizioso costa un bel po’ e a noi in totale mancano ancora circa 20.000 euro per fare tutto a regola d’arte (ovviamente senza pagare il nostro lavoro) e quindi siamo sempre alla ricerca di sponsor privati per le nostre attività e riteniamo di poter offrire loro un’ottima visibilità oltre al fatto di aver contribuito a creare un progetto nuovo e interessante.

Lottozero ha un sito www.lottozero.org sul quale si possono trovare tutte le informazioni su di noi. Al momento sul sito vendiamo i nostri foulard, ma abbiamo intenzione di aggiungere man mano i prodotti di tutti coloro che verranno a lavorare da Lottozero.

Inoltre siamo molto attivi sui principali social network, Facebook, Twitter e in particolar modo Instagram (sempre @lottozero). Facendo così riusciamo ad avere un contatto diretto con chi ci segue e condividere ogni giorno con la nostra community i nostri passi.

_____________

Toscanaincontemporanea‘ è il bando promosso da Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, per promuovere il pluralismo dell’offerta culturale e favorire lo sviluppo di proposte progettuali innovative e di alto livello qualitativo, creando nuove opportunità di crescita culturale e professionale per i talenti emergenti e le nuove generazioni relativamente alle arti visive contemporanee.

Il bando si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scrivi una risposta