Agustina / #giovanisi+

Una grande occasione professionale

Storia scritta da Agustina
Agustina - Giovanisi+

Sono Agustina, ho 26 anni e sono di Mendoza, Argentina.
Sono un architetto e sono membro della “Associazione Giovani Toscani nel Mondo di Mendoza”, nella quale sono sempre stata attiva e partecipe.

Nel 2011 ho beneficiato di un borsa di studio a Siena, che è stata per me un’esperienza indimenticabile.
Durante questo periodo ho conosciuto una ragazza che aveva partecipato alla Borsa di formazione professionale “Mario Olla”, grazie alla quale è rimasta a Firenze a lavorare per l’azienda dove aveva svolto un tirocinio.

Oggi, dopo aver beneficiato della Borsa “Mario Olla” io stessa, posso confermare quanto mi era stato riferito anni fa: è davvero un’esperienza incredibile.
Firenze l’ho conosciuta, giorno dopo giorno, in ogni suo dettaglio e non riesco a credere di aver finito. Il tempo è passato rapidissimo, ma l’importante è essermi goduta ogni momento.

Le ragazze che con me hanno partecipato alla borsa “Mario Olla” venivano da Brasile, Argentina e Canada. Ho conosciuto anche delle ragazze inglesi, che facevano parte di un altro progetto promosso da CEDIT.
Ho imparato molte cose, abbiamo condiviso tante esperienze e viaggiato insieme.
Parlando lingue diverse non c’era altra alternativa che comunicare in italiano e un po’ in inglese. Grazie a questa situazione abbiamo migliorato rapidamente la conoscenza della lingua italiana.

… l’esperienza che ho vissuto ha significato molto per me, sia personalmente che professionalmente.

Per quanto riguarda l’esperienza di tirocinio, ho lavorato presso lo studio Politecnica Ingegneria e Architettura.
Tutto è iniziato due settimane prima di partire, quando ho ricevuto una e-mail che mi proponeva un colloquio Skype con uno dei migliori studi di architettura a Firenze. Ho cercato su internet lo studio e, felice, ho fatto il colloquio in italiano. In quel momento ho capito che quel lavoro mi sarebbe piaciuto moltissimo.

Il primo giorno di lavoro ho cominciato la progettazione di una scuola d’arte in Etiopia. Non riuscivo a credere che stavo partecipando alla realizzazione di un progetto come quelli che avevo sempre visto sui libri e on-line. Abbiamo seguito il progetto dalle prime linee, fino a vederlo finito e inviato in Etiopia.

Agustina-2Il percorso è stato affascinante e ogni giorno ho imparato cose nuove. Il lavoro è stato interessante e divertente e voglio sottolineare che tutto ciò è stato possibile grazie alle persone che fanno parte dello studio. Dal primo giorno mi hanno fatto sentire accolta e integrata nel team. Ogni giorno abbiamo pranzato insieme, condiviso pause e aperitivi dopo il lavoro.

In conclusione, l’esperienza che ho vissuto grazie alla Borsa “Mario Olla” ha significato molto per me,  sia personalmente e che professionalmente.
Svolgere la mia professione in una azienda importante di un altro Paese è stato incredibile.
Non sono cose che succedono ogni giorno e quando si presenta la possibilità non bisogna perderla, dobbiamo cogliere ogni minuto.

La borsa è abbastanza completa: prevede un corso di lingua italiana, molto importante per inserirsi al meglio sul posto di lavoro. Ci sono circa 20 diversi settori in cui presentare la propria candidatura, che coprono quasi la totalità delle professioni. Un’altra cosa interessante è che questo progetto prevede un corso sull’imprenditorialità.

Ho vissuto tutto questo, oltre ad abitare a Firenze, parlare altre lingue e tante altre cose che non possono essere descritte a parole.
Adesso sono tornata nel mio paese, innamorata dell’Italia e impaziente di tornarci presto.

 

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove le borse di formazione professionale Mario Olla, rivolte a giovani di origine toscana residenti all’estero, a cui è offerta l’opportunità di svolgere un periodo di stage formativo presso aziende toscane.

L’iniziativa si inserisce in Giovanisì+, area del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani dedicata a temi come partecipazione, cultura, legalità, sociale e sport.

Scopri le opportunità di Giovanisì+

 

Scrivi una risposta