‘Effetto Giovanisì': le storie dei giovani beneficiari delle misure analizzate dalla ricerca IRPET

Quanto ha funzionato Giovanisì? Quali sono gli effetti a 6 anni della partenza?
Sono queste le domande alla base della ricerca – svolta da IRPET (Istituto Programmazione Economica della Toscana) e finanziata con il POR FSE 2014/2020sul progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.  In particolare, ad essere analizzate sono state 4 misure: Tirocini non curriculari, Casa – contributo affitto, Fare impresa e Coworking.

I risultati emersi sono stati presentati il 3 aprile 2017 durante un evento pubblico presso la Presidenza della Regione Toscana.

A raccontare “l’effetto Giovanisì da un lato i dati emersi dalla ricerca, dall’altro le storie dei giovani che hanno beneficiato di una delle 4 misure analizzate: Valentina, Giulia, Nicola e Simone.

valentina-tirociniValentina, Tirocini non curriculari

I numeri dimostrano che nel confronto tra pari i tirocini avvantaggiano chi si affaccia per la prima volta nel mercato del lavoro. Per loro la probabilità di trovare un impiego entro un anno e mezzo è il 5 per cento in più: tra chi beneficia di un tirocinio cofinanziato dalla Regione e chi svolge un tirocinio privo di finanziamento pubblico il differenziale cresce positivamente di altri 11 punti.
Nel 2015 sono 381 i giovani che hanno trovato un impiego dopo aver svolto un tirocinio.

Valentina, dopo un tirocinio svolto alla Baxter di Sesto Fiorentino nel 2013, è stata richiamata qualche mese dopo ed ora è parte del team di controllo sulla qualità dei farmaci della multinazionale.

Leggi la storia di Valentina e le altre storie sui Tirocini

 

Giulia-casaGiulia, Casa – contributo affitto

I giovani in Italia, è noto, escono di casa più tardi rispetto ai coetanei europei (anche quando già lavorano) e la Toscana non fa difetto. Fra il 2012 e il 2015 la Regione ha finanziato 4.138 contratti di affitto (il 65% delle domande ammesse) di giovani all’inizio tra 25 e 34 anni e poi da 18 a 34 anni, con quattromilacento euro l’anno di importo medio per ogni beneficio e un contributo complessivo di 54,5 milioni.

A usufruirne in gran parte sono stati laureati con occupazioni precarie. Ma nove su dieci non avrebbero fatto quel passo senza l’aiuto della Regione: Giulia, una laurea in lingue straniere, qualche lavoro precario durante gli studi e poi un tirocinio da 500 euro al mese subito dopo l’università, non ce l’avrebbe fatta. Le è servito ed oggi, come il 94 per cento di chi ha usufruito del contributo, continua a vivere da sola nonostante il sostegno sia finito.

Leggi le storie sulla Casa

 

simone-coworkingSimone, Coworking

Tra le ultime misure sperimentali messe in campo dalla Regione dopo il 2014 e inserite nel progetto Giovanisì c’è anche il coworking: parola forse poco nota, che indica uno spazio condiviso dove liberi professionisti e lavoratori autonomi possono condividere locali e postazioni. Una contaminazione che portano ad arricchire il servizio, moltiplicando collaborazioni, numeri di clienti e fatturato. La Regione paga l’affitto per un anno: in 68 ne hanno usufruito e tra i 37 per cui nei mesi scorsi il sostegno era già terminato in 26 hanno rinnovato o rinnoveranno l’affitto.

Come Simone, fotografo fiorentino free-lance specializzato in servizi documentaristici e reportage: prima aveva uno piccolo studio assieme ad altri fotografi (ma scomodo), poi per un certo tempo ha lavorato da casa. Con il coworking sono arrivate nuove opportunità.

Leggi le storie sul Lavoro

nicola-fareimpresaNicola, Fare Impresa

La Regione sostiene l’imprenditorialità giovanile e femminile da lungo tempo, fin dagli anni Novanta. Non è dunque una novità. In questo caso si tratta di garanzie offerte per favorire l’accesso a prestiti bancari.

“Senza – confessa Nicola, che assieme ad un coetaneo a 28 anni, nel 2012, aveva scelto di metter su un’impresa specializzata nella stampa 3D – nessun istituto ci avrebbe dato credito ed avremmo dovuto ridimensionare il nostro progetto”. Con Giovanisì e la Regione Toscana ha ottenuto l’accesso al prestito bancario, come altre 1972 imprese tra il 2012 e il 2015: un terzo negozi, quasi tre su dieci bar e ristoranti, una su dieci parrucchieri ed estetiste, altrettante le attività manifatturiere.

Guarda la videostory di Nicola e leggi le altre storie sul Fare Impresa

 

 

Leggi il comunicato stampa di Toscana Notizie